Cityskater e Streetmate, soluzioni alternative per la mobilità quotidiana

01.03.2018
Cityskater e Streetmate, soluzioni alternative per la mobilità quotidiana

L’obiettivo di Volkswagen è diventare il fornitore di mobilità elettrica di riferimento a livello mondiale. Ma mobilità elettrica non significa necessariamente automobili, soprattutto se si pensa agli spostamenti nelle aree urbane: per questo il Brand lavora anche a prodotti non convenzionali, come il monopattino Cityskater e lo scooter Streetmate, presentati al Salone di Ginevra 2018.

Che cosa sono Cityskater e Streetmate?

Cityskater è un monopattino elettrico pieghevole ed estremamente pratico, che può essere facilmente trasportato grazie al suo peso contenuto: solo 11,9 kg. Streetmate è invece uno scooter elettrico compatto, che pesa 65 kg ed è idoneo, tra le altre cose, al tragitto quotidiano casa-lavoro. Sono entrambi progettati per risparmiare tempo, creando un collegamento in rete senza soluzione di continuità tra diverse tipologie di veicoli e dando vita a una micromobilità compatta.

A che cosa servono?

Nel prossimo futuro, turisti e abitanti delle metropoli potranno lasciare l'auto a casa, in hotel o in altri parcheggi per poi utilizzare questi piccoli veicoli a emissioni zero, che sono un’alternativa intelligente all’auto, soprattutto sulle brevi e medie distanze come lo spostamento dalla fermata dell’autobus o dalla stazione ferroviaria alla propria destinazione, oppure da un quartiere all'altro. Con questi due prodotti, Volkswagen arricchisce la gamma di veicoli dedicati alla mobilità elettrica, composta dall'ammiraglia I.D. VIZZION, dalla monovolume I.D. BUZZ, dal SUV I.D. CROZZ e dalla compatta I.D..

Il Cityskater si trasporta facilmente?

Sì, perché pesa solo 11,9 kg e può essere ripiegato per entrare nel bagagliaio e poi aperto in pochi secondi. Può tranquillamente essere riposto sotto la scrivania:  una volta ripiegato è alto solo 33 cm.

Cityskater

Quanta autonomia ha e in quanto tempo si ricarica?

Il Cityskater ha 15 km di autonomia. La batteria agli ioni di litio che alimenta il motore elettrico da 450 watt ha 200 Wh di capacità e si ricarica fino al 50% (che corrisponde a 7,5 km di autonomia) in meno di un'ora con una comune presa domestica (230 V).

È facile da guidare?

Sì: ha due ruote anteriori e una posteriore ma, a differenza di uno skateboard o di un monopattino, ha una pedana con una propria ruota per ciascuna gamba e un manubrio fisso che fornisce il sostegno necessario. Per sterzare basta spostare il peso da una gamba all’altra e, grazie alla capacità di inclinarsi fino a 22°, il Cityskater affronta agilmente anche le curve. L'avviamento, l'accelerazione e la frenata, invece, si gestiscono con la stessa manopola sul manubrio.

È adatto a tutti?

Sì, perché sostiene fino a 120 kg di peso, ha una velocità simile a quella di una bicicletta (fino a  20 km/h) e supera pendenze del 10%. Attualmente il Cityskater è in fase di omologazione, con l’obiettivo di ottenere l’autorizzazione per poter circolare su piste ciclabili. L'equipaggiamento comprende una luce anteriore e una posteriore, oltre a un avvisatore acustico.

Lo Streetmate è uno scooter a tutti gli effetti?

Sì. In Europa, per guidarlo, servono casco e patente di guida – per cui sono obbligatorie anche immatricolazione e assicurazione. A seconda dell’omologazione, è stata inoltre predisposta una funzionalità che consente di ribaltare il sedile per poterlo guidare, in alternativa, in piedi.  Ha un motore elettrico da 2 kW, posizionato nel mozzo della ruota posteriore, e raggiunge una velocità massima di 45 km/h.

Streetmate

Dove si trova la batteria e in quanto tempo si ricarica?

La batteria agli ioni di litio da 1,3 kWh è integrata nella struttura del pianale: una soluzione che abbassa il baricentro, migliorando così la maneggevolezza. Si può ricaricare in 2 ore e 15 minuti se lo Streetmate è collegato a una stazione di ricarica corrispondente, ma può anche essere estratta e ricaricata in ufficio o a casa.

Quanta autonomia ha e come si guida?

Lo Streetmate ha un’autonomia di 35 km e si guida in modo molto semplice. Si accelera usando il pollice sul manubrio e si frena con le leve, come su uno scooter tradizionale. L'impianto frenante è dotato di freni a disco forati e sistema antibloccaggio (ABS), mentre il motore inserito nel mozzo della ruota posteriore funge da alternatore e recupera energia in fase di decelerazione.

Interagisce con gli smartphone?

Sì: lo smartphone si usa come “chiave digitale” e il display da 5,3 pollici al centro del manubrio (impermeabile e resistente alle intemperie) può essere collegato allo smartphone per ottenere i dati della navigazione. C'è anche un'app dedicata che individua la posizione dello Streetmate e fa scattare l'allarme in caso di tentato furto.

Fonte: Volkswagen Italia